lunedì 20 giugno 2011

Freddo a colazione

Ero arrivata di notte ed ero riuscita ad intravedere appena, scuro contro scuro, il mare che lambiva il piccolo golfo.
Dalla finestra mi giungeva, nei momenti di risveglio notturno, il rumore lieve delle onde sulla battigia, con le pause perfettamente rispettate. Al mattino lo spettacolo non tradì il mio sguardo, l’incanto dei colori del cielo, del mare, del verde contro l’azzurro, non poteva essere più ammaliante.
Intravidi sulla striscia di spiaggia un piccolo chiosco , immediatamente decisi di far colazione lì, seduta a quei piccoli tavolini, di fronte al mare , con il profumo salmastro e quello del cappuccino.
Pregustavo la mia solita colazione ben calda che rappresentava la consuetudine del mia rinascita mattutina, certo non ci avrei rinunciato in vacanza e magari mi sarei concessa anche una brioche. Questi pensieri guidavano i miei gesti mentre indossavo il costume e sopra un camicione di lino bianco come massimo esempio di comodità, infatti avevo deciso che quella vacanza doveva essere poco mondana ma rilassante al massimo.
La scelta dell’isola era dovuta alla mia passione per le terre circondate dal mare, piccole o grandi che siano, esposte ai venti, isolate; il distacco dal continente mi sembra che sia un incentivo al distacco dalle “ cose”, stato ideale per quando sei in vacanza.
Intanto ero giunta al piccolo bar , subito il barman si accorse del mio accento e prima della mia richiesta “un cappuccino, per favore” mi propose la colazione tipica del luogo “granita al limone con brioche”.
Mi parve scortese rifiutare, ma il pensiero che qualcosa di freddo giungesse nel mio stomaco di prima mattina cominciò a preoccuparmi, l’uomo mi restò subito antipatico, aveva interrotto la perfezione di quella mattinata creandomi una certa ansia gustativa.
La granita era deliziosa, ma ogni cucchiaino che ne ingoiavo era una stilettata di freddo al mio stomaco, il quale rifiutava la colazione tipica contorcendosi, dimostrando di fregarsene delle abitudini alimentari locali, evidentemente rimpiangendo il calore del consueto e amato latte e caffè.
Ne mangiai metà poi timidamente chiesi un caffè.
Il barista mi guardo un po’ perplesso:
-Non le è piaciuta?
-Moltissimo ma al mio caffè non posso rinunciare.
Sperai che non tutti gli isolani fossero così impiccioni.
Fu una bellissima vacanza, trovai persone molto cortesi in ogni paesino o città, della costa o dell’entroterra, bellezze naturali e artistiche da ammirare e una cucina deliziosa in ogni suo piatto.
Assaggiai curiosamente ogni cibo, trovando la cucina tipica della regione perfetta nei suoi sapori e conciliante con i miei gusti.
La cassata e i cannoli siciliani mi conquistarono, entrando fra i primi posti nella hit parade dei miei dolci preferiti.
Continuai a mangiare la favolosa granita al limone ma non a colazione.

CANNOLI SICILIANI

Ingredienti per circa 27 cannoli.

Per la pasta(versione scura):250g di farina,1 uovo e un tuorlo,1 pizzico di sale, un pizzico di cannella macinata,30g di zucchero,30g di strutto o burro,1 bicchierino di caffè,1 cucchiaio di cacao in polvere, vino bianco o marsala q.,olio per friggere.
Per la versione di pasta chiara basta eliminare il cacao e il caffè aumentando un po’ il vino bianco o il marsala quanto occorre per ottenere il solito tipo d’impasto.


Per fare la pasta lavorare tutti gli ingredienti aggiungendo vino bianco o marsala fino ad ottenere un impasto sodo( si può utilizzare il robot) da poter tirare con il matterello.
Raccoglierlo a palla, avvolgerlo in un canovaccio leggermente infarinato e farlo riposare un paio d’ore.


Tirare l’impasto in sfoglie sottili, tagliarle in quadrati di circa 10cm di lato (questa misura serve per ottenere cannoli grandi, per cannoli piccoli i lati del quadrato dovranno essere di 5 cm), avvolgerli sugli speciali cannelli di latta o di canna di fiume, premere sulla pasta congiungendo bene le estremità aiutarsi eventualmente con un po’ di chiaro d’uovo.

Scaldare l’olio in una padella da frittura e tuffarvi i cannelli ricoperti di pasta, quando sono cotti e colorati al punto giusto.

Sgocciolare e adagiare su carta assorbente per fritto, lasciare intiepidire e sfilare i cannoli con accortezza dai cannelli, far raffreddare completamente prima di procedere alla farcitura.
I cannoli vuoti si possono preparare in anticipo conservandoli in sacchetti di carta.


Per il ripieno:
600g di ricotta freschissima, 150- 200g circa di zucchero a velo, 50g circa di frutta candita, 100g circa di cioccolato fondente,25g di pistacchi (se graditi),zucchero vanigliato q.b.
Lavorare la ricotta con lo zucchero utilizzando il robot, lavorando con un cucchiaio di legno amalgamare con cura la frutta candita tagliata a dadini, il cioccolato tagliuzzato e i pistacchi tritati grossolanamente, se graditi.

Mettere il ripieno in una tasca con apertura ampia e riempire i cannoli spolverizzando con lo zucchero vanigliato.

Sono particolarmente fragranti appena riempiti, con il tempo tendono ad ammorbidirsi, quindi si sconsiglia di farcirli troppo in anticipo.


POMODORI COL RISO

Ingredienti per 6 persone:12 pomodori piuttosto grandi, 12 cucchiai di riso, 2 spicchi d’aglio, olio, un ciuffo di basilico, sale e pepe.

Lavare i pomodori, tagliare, orizzontalmente e dalla parte del gambo, una calotta e conservarla.
Togliere la parte più interna della polpa, raccoglierla nel robot e frullarla fino ad ottenere una purea.

Riunire in una terrina il riso, l’aglio e il basilico tritati insieme, 2 cucchiaiate d’olio, 3 o 4 cucchiai di purea di pomodoro, un pizzico di sale e una presa di pepe; mescolare bene.

Versare dell’olio in una teglia da forno, allinearvi i pomodori, condire l’interno con poco olio e salare leggermente.
Riempire i pomodori fino a 2/3 con il riso ben mescolato e mettere su ognuno la propria calotta come coperchio.
Versare la purea tutt’intorno ai pomodori, fino a metà altezza, la purea, diluendo, se occorre, con acqua.
Spruzzare di nuovo i pomodori con olio e sale.

Mettere la teglia nel forno ben caldo ( 180°- 200°) e cuocere per circa 40 minuti, se siamo in casa durante la cottura possiamo irrorare i pomodori con il loro sugo, ma l’operazione non è indispensabile.

Sono ottimi sia caldi che freddi.
Possono essere presentati in tavola come un originale antipasto, ma anche come un allegro primo estivo.

In famiglia, seguiti da un’insalata di legumi, possono costituire un pasto.
Adatti anche per il pic-nic.


PASTICCIO DI ZUCCHINE

(ricetta di Mirella)

Ingredienti per 4 persone:
700g di zucchine, prezzemolo, 2 o 3 spicchi d’aglio, foglie di basilico, 1 ½ hg di prosciutto cotto circa, 250g di mozzarella circa, parmigiano grattato.
Per la besciamella:
3 cucchiai di farina, circa 5 dl di latte, 40g di burro, noce moscata, sale.
Per preparare la besciamella, fate fondere in una casseruola il burro, unire la farina e poco latte mescolando energicamente, sul fuoco, con una frusta, quando il composto si presenta liscio e denso unire poco per volta il resto del latte, non si formeranno più grumi e potrete portare la besciamella a cottura mescolando regolarmente, salare, far bollire, infine togliere dal fuoco e unire la noce moscata grattata.
La besciamella si può fare anche nel forno a microonde, far fondere il burro in una terrina, unire la farina e poco per volta il latte in modo che non si formino grumi, mettere nel microonde per 7 minuti, togliere e lavorare energicamente con la frusta, salare e mettere a cuocere ancora 7 minuti, controllare la densità e mescolare ancora con la frusta, se risulta troppo liquida continuare la cottura, se troppo densa aggiungere ancora poco latte mescolare e cuocere ancora per qualche minuto, infine aggiungere la noce moscata.

Tagliare per il lungo le zucchine, in nastri di 3-4mm di spessore, scottarle in acqua salata poche per volta e far asciugare su un canovaccio. Potete cuocerle anche nel forno a microonde o a vapore ma devono sempre risultare al dente.
Preparare una besciamella densa.
Tagliare il prosciutto cotto a pezzettini e tritare la mozzarella.
Fare un trito con il prezzemolo e l’aglio.Ungere una teglia da forno con olio o burro, disporre uno strato di zucchine, salare, cospargere di prezzemolo e aglio tritati e di foglie di basilico.

Condire con la besciamella disporre il prosciutto cotto, la mozzarella e spolverizzare di parmigiano.
Ripetere gli strati infine mettere in forno a gratinare per 20’.

Questo pasticcio si gusta meglio se tiepido.

4 commenti:

  1. ciao ivana,
    come stai?
    ti volevo chiedere dove posso comprare i pennoni giganti, volevo fare i pennoni giganti estivi ma ho girato Coop e Esselunga senza successo. Te dove li compri?

    Un salutone
    Martina

    RispondiElimina
  2. Di solito ci sono all'Esselunga, guarda bene c'è un reparto delle paste grandi di marca Esselunga, altrimenti a Firenze al mercato di San Lorenzo.
    Un abbraccio
    Ivana

    RispondiElimina
  3. Grazie Ivana Un abbraccio

    ps. ieri sera ho fatto i pomodori con il riso....ottimi!

    RispondiElimina
  4. Complimenti per tutti i tuoi piatti...ma soprattutto per i cannoli Buoni...buoni.
    Ciao a presto Luisa

    RispondiElimina