mercoledì 12 settembre 2018

Un amore di essiccatore

Innamorarsi è sempre una bella cosa ma quanto dichiari amore al tuo essiccatore forse hai un problema.
Proprio così, ho impiegato un po' di tempo a decidermi per l'acquisto del mio essiccatore ma adesso posso dire che è entrato nella mia vita un nuovo elemento positivo che adoro e che scopro ogni giorno nelle possibilità che mi permette di realizzare in cucina e va d'accordo con la mia curiosità e voglia di sperimentare .
Non conoscevo le  qualità e le potenzialità degli essiccatori, quindi cercavo su internet il migliore acquisto in rapporto qualità prezzo, leggevo recensioni , scoprivo la plastica bpa free, insomma tentavo di documentarmi e questo come al solito pareva confondermi le idee. Alla fine, sentendo l'esigenza di porre domande specifiche, chiamai il numero dell'azienda di un prodotto che avevo individuato fra quelli che mi piacevano. Una gentile signorina mi rispose, e nei giorni successivi  ad ogni dubbio che mi sovveniva la chiamavo e lei pazientemente rispondeva, consigliandomi senza mostrare eccessivo interesse a vendermi l'articolo più costoso ma piuttosto  quello che si adattava meglio alle mie esigenze che parlando mano a mano scopriva. Furono così tanti i miei contatti telefonici con lei che alla fine ci davamo del tu.
Lei sempre  disponibile , mi chiedeva pefino consigli di cucina, insomma dietro ad un freddo sito fatto di immagini e dettagli tecnici  scoprivo una voce  educata, che rispondeva con competenza a tutti i quesiti che  ponevo, direi fino all'ossessione. Finalmente inserii il mio numero di carta di credito e attesi.
Quando arrivò il pacco rimasi sorpresa dalla grandezza, pensavo che dipendesse dall'imballaggio, invece era un modello di essiccatore semiprofessionale che alla fine avevo scartato appunto per le dimensioni. Di nuovo telefonata, di nuovo risposta paziente e garbata.
Non ho mai capito se l'errore di spedizione sia stato causato dalla confusione generata dalle mie tante richieste di informazione su svariati modelli o se la mia "amica" avesse compreso le mie necessità inviandomi volutamente un ottimo prodotto.
Un mistero che non potrà essere svelato.La sua voce dolce si scusò dell'errore e mi disse che potevo rimandarlo indietro o tenerlo allo stesso prezzo del modello inferiore che avevo pagato, visto che l'errore era stato loro.
Naturalmente decisi di tenerlo, e sono pienamente  soddisfatta.
Dopo qualche tempo la signorina Dolcevoce mi telefonò per chiedermi se ero contenta dell'acquisto. Non so se fosse una prassi aziendale o una curiosità personale.
Ho fatto un' ottima recensione al prodotto e a lei per la sua professionalità.

Pomodori pachino canditi
Lavare i pomodori ed immergerli per uno o due minuti in acqua bollente

 Appena si rafferddano sbucciarli e condirli leggermente con olio extravergine(si possono spolverizzare con poco sale e zucchero o lasciarli al naturale).Conservare le bucce.
Mettere i pomodori in essiccatore sulle apposite stuoie a 50°/55°.

 Il tempo di essicazione si potrà decidere in base all'uso che si vorrà farne per  condimenti , decorazioni o altro.
Diversi gradi di asciugatura.


Si possono congelare distesi in modo che una volta riposti in vaschette restino separati.
 I pomodori così trattati sono molto versatili per insaporire o decorare antipasti, primi e secondi piatti 
Crostino di crema piccante al tonnohttp://cucinarestorie.blogspot.com/2018/08/esame-piccante.html
Un consiglio
Essiccate le bucce dei pomodori per ottenere la polvere di pomodoro che potrà dare sapore e decorare i vostri piatti , inoltre fatta  macerare in olioextravergine diventerà un ottimo condimento per pasta carne e pesce.

Di solito si gettano le bucce dei pomodori dopo che si è passata la pomarola, io le ho essiccate e vi giuro che la polvere  e l'emulsione in olio è venuta ancora più profumata.
 Ho saltato degli spaghetti con questa polvere, olioextravergine  e peperoncino ,un piatto povero ma leggero e profumato.
Farina di bucce di pesca
Ho acquistato delle pesche noci ma purtroppo non erano buone  come mi aspettavo, quindi ho deciso di fare della confettura.La buccia delle pesche noci solitamente non dà il bel colore dorato alla confettura di pesche quindi ho deciso di sbucciarle. La montagna di bucce mi è sembrata uno spreco quindi ho deciso di essiccarle.
Poi le ho tritate finemente a farina.

Biscotti al germe di grano e farina di bucce di pesca
Ingredienti: 80 g di germe di grano, 4 cucchiai di farina di bucce di pesca, un pizzico di sale, 10 g di zucchero Mascobado, 4 cucchiai di latte, 1 uovo, 20 g di burro morbido o 10g di olio di riso.
Amalgamare tutti gli ingredienti  fino ad ottenere un impasto.
 Mettere l'impasto in una saccapoche con foro liscio formando sulla carta forno delle zeta distanziandole.
Cuocere a 180° per 10'/15'
Un consiglio
 Essiccate i gambi del rosmarino e della menta avrete degli spiedini  naturali profumatissimi